Skip to content

D.A. Systems

16 giugno 2014 | Varie | no comments

Al giorno d’oggi, le città purtroppo sono diventati luoghi sempre più pericolosi, dove nemmeno la sicurezza domestica è assicurata, a meno che non si ricorra a sistemi di allarme moderni ed aggiornati.

Così, per potersi sentire tranquilli tra le mura della propria abitazione, e per poterla lasciare senza pensieri per qualche giorno di vacanza, la cosa migliore consiste nell’affidarsi ad un buon impianto di allarme.

Ma non basta che l’impianto sia di buona qualità. è necessario anche che chi lo installa sia persona di comprovata fiducia ed esperienza. E tra gli installatori di antifurti dalla tradizione più consolidata a Torino, c’è senza ombra di dubbio il signor Stefano Rizzioli con la sua ditta, la D.A. Systems.

da systemD.A. Systems da circa venticinque anni si è specializzata nell’installazione di impianti Tecnoalarm, e dalla collaborazione tra queste due realtà, una di esperienza e una manualità consolidate, e una caratterizzata dall’essere tra i marchi leader nel settore della videosorveglianza, è nata un’eccellenza degli antifurti a Torino.

Infatti il cliente non deve fare altro che fare presenti le sue esigenze, e al resto penserà D. A. Systems: alla scelta del sistema di allarme e sorveglianza più idoneo alla casa, al suo posizionamento e messa in funzione, e non solo.

Il signor Rizzioli infatti non abbandona i suoi clienti nemmeno in seguito, perchè capita sovente che questi impianti abbiano bisogno di manutenzione e messa a punto, e anche questi servizi vengono garantiti nel corso del tempo, in un rapporto duraturo e di fiducia reciproca.

Con gli antifurti Torino di D.A. Systems si possono davvero dormire sonni tranquilli, nell’assoluta certezza di avere il servizio più efficiente presente sul mercato non solo della città, ma anche dell’intera area di competenza, sia per privati che per negozi, scuole, biblioteche. e altri luoghi pubblici.

Condividi l'articolo

  • Delicious
  • Digg
  • Newsvine
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Twitter

Comments

There are no comments on this entry.

Add a Comment