Skip to content

La ricerca della location per il matrimonio

24 dicembre 2015 | servizi | no comments

C’è una villa, nel cuore del Salento, che trova spazio in un antico palazzo signorile di fine ‘800, nel centro di Alessano, da considerare tra le varie ville per matrimoni Lecce come location unica e ideale per una giornata importantissima e indimenticabile.

Le sale spaziose, capaci di accogliere sino a 80 ospiti nei mesi invernali per i ricevimenti e occasioni più disparati, si accompagnano a un garden curatissimo nei dettagli, in cui troneggia una piscina, perfetta per organizzare party estivi. Al giardino si aggiunge uno spazio dedicato a un agrumeto, che arricchisce gli esterni, diversificandoli con una vegetazione lussureggiante e variopinta. Alessano si conferma un paesino davvero interessante tra i tanti che si annoverano lungo le coste salentine, in una posizione che permette di esplorare il Salento in modo comodo, senza percorrere lunghe distanze per spostarsi tra i due versanti, ionico e adriatico. Otranto, Lecce, Specchia, Tricase porto, Ponte Ciolo, Leuca, tutte cittadine dalle immense potenzialità e bellezze che è possibile raggiungere velocemente in auto, per scoprirne ogni angolo e vicolo. Villa Ciardo è una struttura che vanta una pluriennale esperienza nell’organizzazione e gestione di matrimoni ed eventi importanti, per questo si rivela una scelta vincente per gli sposi che desiderino coniugare qualità, cibo delizioso che attinge alle ricette tipiche del luogo, ma rivisitate in chiave moderna, a bellezza ed eleganza degli ambienti. Volendo è possibile vedere la struttura su internet e rendersi conto della location e degli spazi, grazie a una gallery che riporta una sequenza di fotografie della villa, ma anche di banchetti precedentemente allestiti.  Una scelta comoda, che consente di poter contattare direttamente la direzione con mail o numeri di telefono. 

Condividi l'articolo

  • Delicious
  • Digg
  • Newsvine
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Twitter

Comments

There are no comments on this entry.

Add a Comment